Crea sito

Piano cottura ad induzione: tutto quello che devi sapere

Piano cottura ad induzione, tutto quello che devi sapere

Il piano cottura ad induzione, un fantastico elettrodomestico.

Prima di ogni cosa voglio spiegarti cos’è il piano cottura ad induzione, e con parole semplicissime il suo funzionamento.

Innanzitutto, il piano ad induzione è formato da una lastra in vetroceramica, alla base sottostante sono posizionate delle bobine di fili attraversate da energia elettrica. Le bobine generano un campo magnetico focalizzato così che, al di sotto della superficie di appoggio tra il tegame e il piano si propaga il calore in maniera immediata.

Grazie a questo meccanismo non si ha nessuna dispersione di calore durante la cottura del cibo a differenza del classico piano cottura a gas. Come vedrai la cottura ad induzione è più veloce, infatti 1 litro di acqua raggiunge il grado di ebollizione in 3 minuti, la metà rispetto al gas.

Devi sapere che il classico piano di cottura a gas ha un rendimento di calore intorno al 60% per meglio dire, con il piano ad induzione vi è una dispersione di calore del 10% a differenza del piano a gas dove la dispersione è del 40%.

Ebbene sì! La cottura del cibo con il metodo ad induzione sarà per il prossimo futuro una cucina ad alta sostenibilità, questo grazie anche alle nuove tecnologie di fonti rinnovabili ad impatto zero sulla natura.

Tutti i SI del piano cottura ad induzione

Come in ogni cosa vi è la parte negativa e quella positiva, così anche i piani di cottura ad induzione hanno i loro tantissimi sì e qualche no, ed è molto importante conoscerli per valutare bene ogni acquisto che vuoi fare e in particolar modo se è funzionale alle tue esigenze

Quanto tempo perdi nell’arco della settimana a mantenere pulito il piano cottura in acciaio inox?

Il primo Sì! espresso a gran voce è la facilità di pulizia che hanno questi piani cottura, infatti un colpo di spugna e tutto splende, grazie anche alla base omogenea e lineare in vetroceramica.

Prova a pensare quanto stai penando per pulire il piano in acciaio inox, tra l’altro anche il non poter usare prodotti o spugnette abrasive per togliere quelle incrostazioni, perché causano graffi antiestetici rovinando in maniera permanente l’acciaio.

Cosa dire poi, delle corone dei bruciatori e le griglie di supporto delle pentole, pulirle e ripulirle ma non ritornano mai come le avevamo comprate.

Invece, con una soluzione composta da acqua e aceto bianco è sufficiente per la pulizia del piano ad induzione e con un panno in microfibra una passata e voilà tutto è pulito.

In più, trovi in commercio anche prodotti preposti per la pulizia dei piani ad induzione, che lasciano sul piano in vetroceramica non solo una pulizia profonda, ma anche un film di protezione contro probabili graffi. A te la scelta.

Quanto è importante per te la sicurezza in casa?

La sicurezza è certamente evidente con la nuova tecnologia di cottura. La fiamma di una cucina tradizionale può essere pericolosa se si hanno bambini, con l’induzione questo pericolo non esiste perché il piano in vetroceramica rimane completamente freddo.

Oppure, il pericolo che dimentichi una presina, o qualsiasi altro oggetto infiammabile vicino alla fiamma a gas, naturalmente con l’induzione tutto questo non potrà mai accadere.

Devi anche sapere che, il piano si attiva solo se la pentola è sul ripiano senza di essa rimane freddo. In qualsiasi altra situazione il ripiano rimane sempre freddo.

Inoltre il pericolo delle fughe di gas dovute anche alla cattiva manutenzione del tubo di collegamento tra il classico piano cottura e il rubinetto del gas è praticamente risolto.

Ti dico di più, molti ristoranti stanno cambiando la loro modalità di cottura dal gas all’induzione anche per la sicurezza che dà.

Quanto hai desiderato avere una cucina funzionale ed anche bella da vedere?

Il design moderno e lineare dona indubbiamente alla cucina una forma di ordine e pulito. Il design del piano cottura permette all’elettrodomestico di essere perfettamente integrato con la cucina regalando un grande vantaggio estetico, in particolare se hai una cucina a vista.

Inoltre i piani ad induzione più moderni hanno al loro interno la funzione aspirante per cui non necessita di una cappa sovrastante. Con questo nuovo metodo di cottura e aspirazione, la cucina diventa sempre più un arredo complementare alla sala, restando comunque cucina con tutte le sue funzionalità.

Il consumo di energia elettrica, è quello che ti blocca nello scegliere una piano ad induzione?

Sfatiamo una credenza sui consumi. Infatti si crede che “I piani ad induzione consumano molta energia elettrica” ebbene no! non è così

Innanzi tutto devi sapere che questi piani hanno un rendimento di calore pari al 90% a differenza dei piani a gas che è del 60%, questo permette innanzitutto che il punto di ebollizione di un liquido si raggiunge in maniera molto più rapida.

La dispersione di energia è quasi nulla, in quanto il calore del piano si attiva solamente al contatto dell’apposito tegame e si disattiva quando si toglie il tegame.

Inoltre, i piani hanno diversi livelli di potenza per modulare in maniera perfetta l’intensità del calore, questo diventa molto funzionale con il cibo che devi cuocere e la dispersione di energia elettrica è ridotta al minimo.

Molto importante da sapere, è se passi al consumo del gas solo per riscaldamento hai la riduzione dell’IVA dal 22% al 10%.

Come vedi un risparmio molto interessante, che ti permette di equiparare magari la spesa in più sul consumo dell’energia elettrica.

Se invece hai un impianto fotovoltaico sei al massimo dell’efficienza e puoi godere a costo zero del tuo fantastico piano cottura ad induzione.

Prova a pensare quanto stress nel regolare la fiamma del gas: troppo alta, troppo bassa?

Un altra caratteristica veramente utile quando si cucina è quella di avere il calore costante e sempre uguale sul fondo del tegame. La costante temperatura durante la cottura del cibo è fondamentale per la buona riuscita del piatto, quello che i piani cottura a gas non possono mai garantirti.

Cioè, il dover controllare continuamente la fiamma e rigirare il cibo a secondo dove il calore è più vivo, infatti nella tradizionale cottura al gas il cibo al centro cuoce prima rispetto a quello esterno così che devi costantemente rigirarlo e spostare leggermente il tegame da una parte e dall’altra del fornello.

Intanto per iniziare, tra i piani ad induzione che puoi scegliere le marche migliori sono:

  • Bosch
  • Electrolux
  • Candy
  • Samsung
  • Smeg

BOSCH

ELECTROLUX

Candy

Samsung

smeg

Tutto quello che potrebbe farti dire NO! nel cambiare il tuo piano cottura da gas ad induzione

Sinceramente ti dico che cercare le caratteristiche negative del piano ad induzione faccio veramente fatica a trovarle. Proverò magari ad evidenziarti quelle situazioni che oggettivamente possono essere più o meno adatte alle tue esigenze, e di conseguenza alle esigenze del tuo ambiente cucina.

Le pentole

Il primo punto critico sono i tegami, proprio così non tutti i tegami sono idonei ai piani ad induzione. Usare un tegame con materiale non adatto ciò che succede è: il piano o non funziona, oppure la sua resa di potenza nel riscaldamento risulta molto inferiore e di conseguenza un maggiore consumo di energia elettrica.

Le pentole adatte per i piani ad induzione devono avere la base perfettamente piatta ed inoltre che siano composte da una lega che contiene una certa percentuale di ferro. I tegami idonei sono quelli in:

  • Ghisa
  • Inox speciale per l’induzione
  • Acciaio inox
  • Acciaio smaltato

Tegami non adatti al piano ad induzione.

  • Rame
  • Vetro
  • Alluminio
  • Terracotta
  • Ceramica

Come fare per capire se i tuoi tegami sono idonei? Fai questa semplice prova: poggia una calamita alla base esterna della pentola se questa è attratta e rimane ben ferma attaccata allora tutto bene, la tua pentola ha superato perfettamente la prova.

Comunque, se dovrai acquistare i tegami e le padelle funzionali per il piano cottura ad induzione fai attenzione che vi sia sulla confezione il simbolo di prodotto adatto all’induzione. Importante, ti metto qui sotto l’immagine del simbolo così da capire subito l’adattabilità del tegame.

Inoltre in commercio puoi trovare dischi adattatori da posizionare tra il tegame non adatto all’induzione e il piano ad induzione. Questa soluzione te la sconsiglio perché non avresti il massimo dal tuo piano cottura, cioè si verifica una notevole dispersione di calore e di conseguenza di energia elettrica.

Oltre ai tegami anche caffettiera e pentola a pressione

Aumento di potenza del contatore elettrico

Un altro punto critico potrebbe essere, la necessità di aumentare la potenza del contatore dell’energia elettrica per non rischiare che salti a causa del sovradosaggio.

Come prima cosa chiedi al tuo fornitore tutte le informazioni anche se pur minimo vi è un aumento tariffario, questo dovuto anche al fatto se hai un contratto di mercato tutelato oppure libero.

Come vedi i fattori negativi sono veramente minimi e facilmente superabili.

Consigli utili

Ricapitolando; i piani ad induzione sono un ottima e pratica soluzione per una cucina bella ed anche funzionale. Inoltre, per una donna che ha poco tempo tra casa, lavoro e famiglia con i piani ad induzione può tranquillamente cucinare senza la necessità di continue sorveglianze del cibo sui fornelli.

Alcuni consigli utili per apprezzare al meglio questo fantastico elettrodomestico.

  • Con il piano ad induzione puoi programmare sia la temperatura che ti tempo di cottura delle pietanze. Le prime volte per prendere dimestichezza sul funzionamento, togli qualche minuto sulla fine cottura del cibo.
  • Mantenere pulito il piano ad induzione è semplice e veloce, questo vuol dire tempo risparmiato e poter dedicarsi ad altro, invece che pulire.
  • Un altro punto molto importante è la sicurezza, a differenza del gas non ha la fiamma, non dovrai ricordarti di chiudere il rubinetto del gas per il pericolo di fughe.
  • La cottura con il sistema ad induzione produce meno fumo rispetto alla cottura a gas. Questo vuol dire che non hai bisogno di cappe aspiranti sovrastanti al piano infatti, esistono in commercio piani ad induzione con il sistema aspirazione incorporato. Che dire, che liberazione il non dover pulire la cappa aspirante, dove l’unto si infila in ogni fessura ed il risultato finale non è mai soddisfacente come vorresti. Inoltre, hai più spazio per i pensili e in più la cucina a vista diventa sempre più arredamento di sala.
  • La regolazione della temperatura dal minimo al massimo è costante ed uguale sull’intera base della pentola, a differenza della fiamma a gas, questo permette di avere la cottura omogenea del cibo

Grazie per la tua attenzione. Ti aspetto al prossimo articolo

Cucina casa e passione utilizza il programma di affiliazione Amazon, Macrolibrarsi. Ogni tuo acquisto io percepisco una piccolissima percentuale, commissione che per te non cambia nulla ma mi aiuta a poter continuare a scrivere articoli e ricette utili per noi donne