Pomodoro in barattolo, quello che devi sapere per una sana alimentazione

Pomodoro in barattolo, quello che devi sapere per una sana alimentazione

Una sana alimentazione inizia anche dalla scelta del giusto barattolo di pomodoro.

Il pochissimo tempo ci induce a cercare stratagemmi per soddisfare ogni giorno le nostre esigenze, anche con la nostra alimentazione in questo caso il barattolo di pomodoro diventa un validissimo aiuto. Però sei sicura che sia il barattolo giusto? Sai quali caratteristiche deve avere un barattolo di pomodoro per farti sentire tranquilla di ciò che stai mangiando?

Conserva di pomodoro casalinga o industriale?

Come non ricordare la conserva di pomodoro casalinga, un meraviglioso rituale familiare dove ognuno con il suo compito, chi taglia, chi passa il pomodoro, chi imbottiglia. Le case di campagna prima dell’autunno si trasformavano in meravigliose catene di montaggio da far invidia alle migliori aziende di produzione di passate di pomodoro.

Casse di pomodoro, pentoloni, passaverdura, barattoli, coperchi, stracci, mestoli, questi alcuni arnesi che occorrono e pensare di fare la conserva in appartamento è una operazione molto, ma molto difficoltosa.

Purtroppo le cucine moderne non sono adatte per preparare grandi quantitativi di conserva di pomodoro per la semplice ragione che:

  • Lo sporco che si verrebbe a creare, infatti le conserve venivano fatte nei cortili delle case di campagna, oppure nelle grandi terrazze di una volta.
  • Sopratutto il poco spazio delle cucine moderne sono particolarmente insufficienti per tutte le operazioni che sono necessarie per la preparazione della salsa casalinga.
  • Occorre un lavello abbastanza grande per contenere i vari accessori
  • Indispensabile tra l’altro avere 2 lavelli e un ampio punto di appoggio, in particolare sempre vicino ai lavelli

Scartata l’ipotesi di fare la conserva in casa per motivi di spazio, di tempo, per non parlare di organizzazione, diamo una particolare occhiata alle conserve di pomodoro industriali.

Le conserve di pomodoro industriali sono tutte uguali?

Decisamente ti dico di no! La causa del problema è che vi sono tanti fattori da tenere in considerazione e ti assicuro che sono fattori molto importanti. Nei punti che andrò ad elencarti infatti voglio spiegarti in maniera dettagliata, cosa deve o non deve avere un barattolo di pomodoro per essere catalogato un prodotto sano.

Ecco cosa devi sapere per l’acquisto di un prodotto sicuro

Prima di tutto la materia prima cioè il pomodoro deve essere di provenienza Italiana. Per fortuna è stato prorogato fino al 31 dicembre da parte dell’ Unione Europea l’obbligo dei produttori agroalimentari di inserire nelle etichette l’origine dei prodotti usati. Però già una legge del 2006 in Italia pone al produttore l’obbligo di indicare la provenienza dei pomodori usati per le conserve, questo per proteggere il marchio “made in Italy”

Gli ingredienti, cioè il decalogo di ciò che contiene il barattolo di pomodoro. Oltre naturalmente il pomodoro pelato intero o a pezzettoni questi sono gli ingredienti principali, può contenere anche sale, zucchero, acido citrico, ortaggi o spezie varie. Il sale è sempre in quantità minime e molte aziende non lo menzionano nella lista ingredienti. Quando invece leggi sale nella lista nutrizionale si intende al sale naturale che contiene il pomodoro, la medesima cosa con lo zucchero. L’acido citrico invece è un conservante molto usato nell’industria alimentare. Ti allego il link di un mio articolo che descrive cos’è l’acido citrico, le sue caratteristiche ed in particolare il suo uso ecologico per la nostra casa. Link

Nella descrizione degli ingredienti trovi oltre il pomodoro anche la dicitura “succo di pomodoro” oppure “concentrato di pomodoro” Questa aggiunta permette ai pomodori o alla polpa di pomodoro un giusto equilibrio tra liquido e polpa. Il succo di pomodoro si ricava dalla centrifugazione dello stesso estrapolando la sua acqua di vegetazione, mentre il concentrato si ricava dalla riduzione dell’acqua di vegetazione dalla polpa del pomodoro. Naturalmente vengono filtrate e scartate bucce e semi nel processo di formazione del succo o del concentrato.

I miei consigli per l’acquisto di un sano barattolo di pomodoro.

Scegli sempre prodotti biologici che garantiscono la non contaminazione da pesticidi secondo le norme vigenti. Da non sottovalutare anche la filiera corta tra coltivazione e produzione del prodotto. La freschezza delle materie prime viene garantita notevolmente in quanto non vi è un lungo trasporto e il prodotto raggiunta la giusta maturazione è pronto per la produzione. Inoltre da non sottovalutare assolutamente la filiera corta è un notevole aiuto alla salvaguardia e alla cura dell’ambiente.

Prodotti Biologici certificati.

Ho provato questi prodotti e voglio proprio consigliarteli li trovo fantastici. Pomodori coltivati da aziende Italiane biologiche certificate, con terreni nelle vicinanze delle aziende di produzione inoltre questi prodotti hanno caratteristiche eccellenti esempio:

  • Senza aggiunta di sale
  • Additivi chimici
  • Coloranti
  • Zuccheri
  • Conservanti.
  • Le confezioni in latta non contengono Bisfenolo A
  • Indicati per chi ha una alimentazione vegana
  • Sono Gluten Free

Grazie per la tua attenzione ci vediamo al prossimo articolo

Cucinacasaepassione utilizza il programma di affiliazione Amazon -macrolibrarsi. Ogni tuo acquisto io percepisco una piccolissima commissione, per te non cambia nulla ma mi aiuta a poter continuare a scrivere altri articoli utili per te e la tua famiglia